You are here

Assura news

Un esercizio 2016 positivo che conferma la solidità di Assura

29/06/2017

Nel 2016, con un risultato positivo di 21,1 milioni ed una cifra d’affari di CHF 2,7 miliardi, Assura-Basis SA mostra la sua solidità finanziaria. L’assicuratore di Pully conferma il proprio 4° posto tra i gruppi d’assicurazione malattia in Svizzera. Assura-Basis SA continua infatti a progredire sul mercato svizzero con una clientela, al 1° gennaio 2017, di 937’000 assicurati per l’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie.

Questi risultati positivi testimoniano la crescita controllata della cassa malati e confermano la pertinenza del modello Assura, basato sulla responsabilizzazione di tutti gli attori del sistema sanitario per contenere l’evoluzione dei costi. Al 1° gennaio 2017, Assura-Basis SA ha consolidato il suo portafoglio di assicurati, cresciuto di quasi 35'000 clienti in un anno, e raggiunge un risultato finanziario equilibrato. La percentuale delle spese amministrative rimane stabile al 5% dei premi incassati. Con un tasso del 147%, le riserve di Assura-Basis SA sono conformi alle esigenze legali e garantiscono una sufficiente base finanziaria per un’evoluzione contenuta dei premi.

Occorre una soluzione a livello nazionale per gli interventi ambulatoriali

Fedele ai propri valori, Assura si impegna a promuovere delle soluzioni che permettano di contenere i costi assieme a tutti gli attori del sistema sanitario. Ad esempio, i cantoni di Lucerna, Zurigo, Basilea-Città e Basilea-Campagna introducono o stanno attualmente esaminando delle soluzioni che permettano a certi interventi chirurgici (come gli interventi al menisco con artroscopia, alcune operazioni ORL o alle varici) di essere effettuati in ambulatorio piuttosto che in stazionario garantendo nel contempo la stessa qualità delle cure. Assura è convinta che il sistema sanitario può realizzare importanti risparmi su delle operazioni che oggi sono standardizzate senza peggiorare la presa a carico od il comfort dei pazienti. Sebbene siano interamente a carico delle casse malati, gli interventi chirurgici effettuati in ambulatorio rimangono in generale meno cari rispetto alle stesse operazioni praticate in stazionario, che per di più beneficiano di una presa a carico del 55% da parte dei cantoni. «Favorendo gli interventi ambulatoriali, ogni volta che è possibile dal punto di vista medico, Assura dimostra in modo concreto il proprio impegno in favore del contenimento dei costi a beneficio dei propri assicurati e del sistema sanitario in generale. In tal senso, i provvedimenti attuati od esaminati dai vari Cantoni costituiscono degli spunti concreti per contenere i costi sanitari e garantire un sistema sanitario responsabile e solidale. L’ideale sarebbe trovare una soluzione a livello nazionale», spiega Ruedi Bodenmann, direttore generale del Gruppo Assura.