You are here

Ritratto

Assura si presenta

Assura fu fondata nel 1978 dal Signor Jean- Paul Diserens, di cui ne fu presidente fino al 2013. Come imprenditore, il fondatore della cassa malati di Pully si distinse introducendo dei concetti innovativi che permisero a questa PMI di diventare il quarto gruppo d'assicurazione malattia del paese.

Questo anziano quadro della Société vaudoise et romande de secours mutuel (SVRSM), che diventerà Supra il 12 novembre 1986, all'epoca era ben noto per le sue competenze nel ramo delle assicurazioni collettive. Sorprese tutti gli addetti ai lavori quando decise di lanciarsi nell'assicurazione malattia per i privati.

Una strategia limpida

La filosofia aziendale fu chiara fin dall'inizio poiché si basò innanzitutto sullo sviluppo del concetto delle franchigie a opzione e sulla responsabilizzazione degli assicurati, i quali erano considerati come dei partner «che lottano con Assura contro l'esplosione dei costi sanitari».

I clienti furono invitati ad assumere le spese mediche meno onerose e a raggruppare le fatture prima di inviarle all'assicuratore allo scopo di limitare le spese amministrative. In controparte, Assura assumeva le spese di guarigione conseguenti ad un grave caso di malattia o d'infortunio i cui impatti finanziari non potevano essere assunti dall'assicurato. Si adoperò per mantenere i premi vantaggiosi ed accessibili a tutti, combattendo in permanenza lo spreco e gli abusi.

L'inroduzione del sistema del terzo garante

Nel 1985, Assura adottò il sistema del terzo garante com'era previsto dalla Legge sull'assicurazione malattie dell'epoca (LAMA). Con questo sistema spettava agli assicurati pagare i medicinali in farmacia prima di chiederne il rimborso.

Alcuni mesi dopo l'introduzione di questo sistema, le somme risparmiate mostrarono che questo principio permetteva chiaramente di arginare le spese responsabilizzando nel contempo gli assicurati ed evitando lo spreco di farmaci. La diminuzione dei costi inerente al rimborso dei medicamenti raggiunse il 27%.

Il rigoroso controllo delle fatture fu un altro pilastro di Assura, che si sottopose sempre, al suo interno, agli stessi severi controlli e a drastiche misure di risparmio. Grazie a questi diversi provvedimenti, la società mantenne per decenni dei premi molto vantaggiosi e spesso i più convenienti del mercato.

Sviluppo in Svizzera romanda, in Svizzera tedesca e in Ticino

Negli anni '80, Assura si sviluppò in tutta la Svizzera romanda e aprì delle succursali a Ginevra, Neuchâtel e Friburgo. Negli anni '90, si estese in Svizzera tedesca installandosi a San Gallo, Zurigo, Berna e Basilea. Avvicinandosi ad un effettivo di 170'000 assicurati, nel 1996 inaugurò una succursale in Ticino.

Nel 2000, Assura aprì una Direzione regionale per la Svizzera tedesca a Herrenschwanden-Berna. Nel 2011 fu fondata la società Assura SA per commercializzare le assicurazioni complementari ed effettuare la separazione tra il ramo dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie e quello delle coperture private. Il 1° gennaio 2004, Assura vide il suo successo brillantemente coronato: dovette far fronte all'afflusso di 100’000 nuovi assicurati ed assumere 125 nuovi impiegati in pochi mesi.

L'innovazione e la caccia allo spreco

Assura ha sempre fatto il massimo per mantenere al minimo le spese amministrative e per valorizzare le tecnologie più all'avanguardia atte a far abbassare i costi. Già alla fine degli anni 90, lanciò il primo modulo che permetteva di ottenere un'offerta su internet. Nel 2004, mise on line la prima piattaforma Clienti per i suoi assicurati. Lanciando assura.net, che diverrà poi e-assura.ch, permise ai propri assicurati di rinunciare ai documenti cartacei, di guadagnare tempo e convivialità mostrandosi nel contempo sensibile alle problematiche ambientali.

Nell'ottica di una gestione rigorosa, la cassa di Pully limitò sempre al massimo le proprie spese pubblicitarie, contrariamente alla maggior parte dei suoi concorrenti. Rinunciò sistematicamente a lanciare delle importanti campagne, in particolare alla televisione. Assura preferì sempre condurre delle piccole campagne pubblicitarie locali ed occasionali. Questa strategia condusse la società verso un rapido progresso, a tal punto da sedurre un totale di quasi 870’000 assicurati al 1° gennaio 2014.

L'impegno di Assura

Assura si è spesso distinta sul piano civico mediante delle battaglie innovatrici. Nel 2002, lanciò un referendum contro la «legge federale urgente del 21 giugno sull'adattamento delle partecipazioni cantonali ai costi dei trattamenti ospedalieri prodigati dai cantoni secondo la legge federale sull'assicurazione malattie».

In una campagna importante, Assura denunciò i principi del nuovo finanziamento ospedaliero. Il referendum ebbe esito positivo, ma fu rifiutato nella votazione popolare del 2003. Anche se parzialmente, nove anni dopo il Gruppo vinse, finalmente, la sua battaglia con l'introduzione del nuovo finanziamento ospedaliero, confermando così la sua posizione di visionario.

Una società giovane e dinamica

Oggi, forte di 1200 impiegati suddivisi in quindici siti, il Gruppo Assura può contare sull'impegno di collaboratori giovani e dinamici che si sono particolarmente impegnati quando gli assicurati di SUPRA Assurances SA sono stati incorporati. L'età media è di 35 anni mentre l'anzianità media è di quasi 7 anni, ossia un eccellente indicatore delle buone condizioni e del buon ambiente di lavoro.

Da sempre Assura si è posizionata come un importante attore nella zona del Lago Lemano. In questa regione il Gruppo occupa oltre 630 collaboratori. I suoi impiegati apprezzano le sue eccellenti condizioni sociali, per l'appunto nel ramo della previdenza. Assura desidera tra l'altro conservare il suo centro decisionale nel cantone Vaud.